RC Auto, prezzi in discesa dopo l’impennata estiva

22/11/2017

Sono dello scorso settembre gli ultimi dati forniti pochi giorni fa dall’ANIA (Associazione Nazionale fra le Imprese Assicurative) sull’andamento dei premi assicurativi per le auto, riportata nella nostra news "La tendenza di settembre dei prezzi RC Auto", dove rileviamo una tariffa media dopo le tasse pari a circa 440 euro, oltre 120 euro in meno se facciamo un salto indietro nel lontano 2012.

La cifra calcolata dall’Associazione è in linea con i dati dell’Osservatorio di Segugio.it durante questa seconda parte dell’anno, che ha rilevato un importo del miglior prezzo medio, ottenuto dalla media delle migliori offerte pubblicate sul portale, di 433 euro. L’ammontare è più alto dell’1,2% sullo stesso periodo dello scorso anno, un trend però riconducibile a un innalzamento dei valori registrato durate il bimestre luglio-agosto 2017 (455 euro) e in parte riassorbito dalle riduzioni di settembre e ottobre.

Il bollettino registra anche la spesa assicurativa nelle varie province italiane, alcune delle quali hanno beneficiato del calo in corso rispetto al periodo estivo. A Napoli, ad esempio, si è passati dai precedenti 777 euro agli attuali 746 euro, stessa sorte a Caserta, ora a 691 euro contro i 726 euro del bimestre luglio-agosto 2017.

L’Osservatorio mette in risalto altre caratteristiche dei contratti, come ad esempio il numero di automobilisti che non ha commesso sinistri negli ultimi 5 anni, stabile all’84,7%. Ricordiamo che l’eventuale responsabilità dello scontro sarà segnalata sul proprio attestato di rischio, il documento che certifica la storia assicurativa dell’intestatario della polizza, con la penalizzazione del premio e della classe di merito che si verificherà soltanto quando si supera il 51% di colpa complessiva nel corso dei 12 mesi.

Le polizze stipulate dagli utenti del portale prevedono nel 19,01% dei casi la garanzia accessoria del Furto e Incendio (-0,61% sul luglio-dicembre 2016), mentre per il 78,09% riguardano il contratto con la sola responsabilità civile. Nell’articolo "I danni coperti dall’RC Auto" abbiamo spiegato che l’RC base non rimborsa il danno patito dall’assicurato, ma risarcisce in sostituzione del danneggiante, tutelando l’autore del sinistro nei limiti previsti da un massimale.

Per quanto riguarda invece il parco circolante, l’Osservatorio conferma l’alta anzianità delle vetture presenti sulle strade italiane. Ancora una volta l’età media delle quattroruote risulta superiore ai 10 anni, con il 72,4% delle quattroruote che sono immatricolate da più di sei anni e solo il 14,2% targate da meno di 36 mesi.

A tal proposito il Ministro dello sviluppo economico ha sottolineato la necessità di un incentivo per svecchiare il parco auto: non si tratterebbe di una rottamazione vecchia maniera ma di una transizione verso modelli più ecologici. L’obiettivo del Governo è quello di portare le vetture elettriche previste al 2030 a quasi 5 milioni di esemplari, rispettando così quanto disposto dalla Strategia energetica nazionale. Guardando la tipologia di alimentazione si nota che attualmente la percentuale di vetture ecologiche sul territorio nazionale è ancora bassa, l’8,7%, con le vetture a emissioni zero che rappresentano ancora una quota molto marginale. In futuro i prezzi delle auto elettriche dovrebbero calare, grazie alla contrazione dei costi di produzione delle batterie dovuta al progresso tecnologico e alla loro maggiore diffusione. Le spese di mantenimento di queste vetture parlano ad oggi di un vantaggio in termini di bollo e assicurazione, di cui ci siamo occupati nella news "Auto ecologiche, si risparmia su bollo e assicurazione?".

In tema di RC Auto è bene tenere a mente la convenienza nell’utilizzo del portale Segugio.it, su cui è possibile individuare le tariffe più basse sul mercato. Il risparmio medio conseguibile tramite la comparazione è pari al 46,2% della tariffa media RC.

Ipotizzando di voler assicurare una Alfa Romeo Giulia 2.2 turbodiesel 150 CV (acquistata da un 40enne di Caserta, prima classe di merito da più anni, zero sinistri con colpa negli ultimi 5 anni, percorrenza media annua di 30.000 chilometri), si scopre che il miglior prezzo è quello di Italiana Assicurazioni che propone una copertura con formula di guida libera a 563,25 euro. I massimali sono quelli minimi stabiliti dalla legge, vale a dire 1,22 milioni di euro per i danni alle cose e 6,070 milioni per quelli alle persone. L’assicurazione rinuncia ad esercitare il diritto di rivalsa se al momento del sinistro il conducente guida con patente scaduta, purché la patente venga successivamente rinnovata entro 6 mesi dalla data del sinistro.

A cura di: Paola Campanelli

Come valuti questa notizia?
RC Auto, prezzi in discesa dopo l’impennata estiva Valutazione: 4,8/5
(basata su 4 voti)
800 999 555 CONSULENZA GRATUITA
Confronta i preventivi
PREVENTIVO AUTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO MOTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO AUTOCARRO

Recupera Preventivi

come funziona
Guarda il video e scopri com’è facile risparmiare