Nulle le multe rilevate dagli autovelox dopo il primo agosto

02/11/2017

Torniamo ad occuparci di autovelox, trattati anche nell’articolo "Lotta serrata alle infrazioni con Telelaser Trucam", un dispositivo il cui funzionamento è regolato da norme che ultimamente sono state oggetto di aggiornamento.

Le disposizioni, contenute del Decreto ministeriale Infrastrutture numero 282 del 13 giugno scorso, sono state rese più stringenti in tema di taratura e il loro mancato rispetto potrebbe rendere nulle le multe rilevate dopo il primo agosto.

A causare problemi è il nuovo sistema previsto per testare gli autovelox mobili (utilizzati dalle pattuglie a bordo strada). L’iter prevede il sostenimento di alcune prove periodiche, consistenti in misurazioni effettuate su veicoli che devono compiere dai 50 ai 100 passaggi ad andature comprese fra i 30 e i 230 chilometri orari, una velocità che precedentemente non era necessario raggiungere.

Tuttavia sembra che in alcuni casi questi nuovi test siano stati disattesi: dunque, chi riceve (o ha già ricevuto) una multa deve guardare sul verbale la data in cui l’apparecchio è stato regolato. Se la data è successiva al 31 luglio 2017, si può chiedere al Corpo di Polizia che ha rilevato l’infrazione di fornire la documentazione della taratura, da cui risulta le velocità alle quali sono stati svolte le prove. Questa procedura causerebbe problemi pratici agli uffici, in quanto solitamente in possesso del certificato di taratura (da cui si deduce solo l’avvenuta operazione).

Un’ulteriore complicazione per gli eventuali trasgressori è che i verbali potrebbero subire un incremento delle spese di accertamento da addebitare ai destinatari che si aggiungono all’importo sanzione,  un aumento che sarebbe dovuto all’esigenza di effettuare i collaudi degli strumenti in un autodromo.

C’è da sottolineare che non ci sarà alcuna irregolarità se l’apparecchio è stato tarato prima del 1° agosto. L’articolo 5 del Decreto specifica in questi casi che il controllo successivo venga realizzato entro un anno dal precedente e comunque entro 12 mesi dalla pubblicazione del decreto.

Il problema non riguarda gli apparecchi in postazione fissa. A far discutere per quest’ultimi è solo il loro posizionamento – di cui abbiamo parlato nella news "Autovelox fuori posto? La multa è nulla" – visto che devono essere collocati esattamente nel punto in cui la loro installazione è stata decisa dall’ente proprietario della strada. Le postazioni devono trovarsi non solo al chilometro indicato nell’autorizzazione ma anche sul giusto lato della strada, così come riportato nell’atto stesso. Anche in questo caso, il mancato rispetto dell’obbligo porta all’annullamento della multa rilevata.

L’esatta collocazione dell’autovelox è stata oggetto della sentenza 185/2014 del Giudice di pace coordinatore di Isernia. È però ammessa un’unica eccezione, dovuta a eventuali errori materiali che si riscontrano sul tratto stradale: può capitare infatti che le installazioni siano difformi per problemi pratici, come ad esempio la mancanza di allacci elettrici.

I controlli da parte dei velox fissi, promessi dopo l’abolizione del tagliando assicurativo, non sono ancora attuabili in modo autonomo a causa della mancata omologazione degli strumenti. Il tutto quindi richiede la presenza di una pattuglia che accerti sul momento l’infrazione.

Ricordiamo che le postazioni fisse potranno in futuro controllare la validità della copertura assicurativa. In Italia sono circa 5 milioni i veicoli (di tutte le tipologie) che circolano senza una regolare polizza: la crescita della cifra è allarmante, visto che ha raddoppiato il suo valore rispetto al 2013. Il dato arriva dall’ANIA, l’Associazione Nazionale fra le Imprese Assicurative, la quale specifica come la maggior parte dei mezzi privi di polizza si concentrino nel sud Italia. 

La legge del 1969 impone agli automobilisti e ai motociclisti di sottoscrivere una regolare assicurazione per la responsabilità civile, mentre rende facoltative le cosiddette garanzie accessorie. Per acquistarla al prezzo più basso basta fare una ricerca sul portale Segugio.it, che permette agli utenti di comparare le migliori RC Auto e scegliere quella più adeguata alle proprie possibilità di spesa.

A cura di: Paola Campanelli

Come valuti questa notizia?
Nulle le multe rilevate dagli autovelox dopo il primo agosto Valutazione: 4,7/5
(basata su 6 voti)
800 999 555 CONSULENZA GRATUITA
Confronta i preventivi
PREVENTIVO AUTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO MOTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO AUTOCARRO

Recupera Preventivi

come funziona
Guarda il video e scopri com’è facile risparmiare