IVASS, prezzi RC Auto ancora in calo

18/04/2017

L’ultimo riscontro sui costi dell’assicurazione auto dell’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni conferma quanto già visto nella news "Tariffe RC Auto, positivo il bilancio del 2016".

L’indagine dell’IVASS stabilisce che il premio medio dell’ultimo trimestre del 2016 è sceso a 420 euro, contro i 426 euro dei tre mesi precedenti e i 439 euro registrati alla fine del 2015. Per i contratti stipulati tra il 1° ottobre e il 31 dicembre risulta che il 50% degli assicurati paga meno di 379 euro, mentre solo il 10% degli utenti non supera i 238 euro.

Le tariffe tendono ad essere maggiormente differenziate nelle province del Nord-Ovest e risultano più omogenee nelle città del Sud e della Sicilia. Napoli si pone al vertice dei Comuni con le tariffe più elevate, 629 euro, seguita da Prato con 603 euro e Caserta, 552 euro. Le province con gli importi più contenuti sono Oristano, Aosta, Pordenone e Biella rispettivamente con 299, 301, 308 e 311 euro. La differenza tra la città più cara e quella più economica è consistente e ammonta a 330 euro.

Tutte le province sono state interessate da una diminuzione del premio durante il 2016, soprattutto quelle del versante meridionale che hanno fatto segnare un calo superiore al 5%. La variazione minore si è registrata ad Aosta, -1,2%, quella maggiore a Taranto, -11,1%.

La spesa sostenuta varia in base alla fascia di età degli assicurati. Il prezzo dell’assicurazione è più alto per gli automobilisti under 24, circa 706 euro, mentre gli importi più bassi si raggiungono per gli over 60, che si attestano sui 396 euro. Il numero dei contratti stipulati è maggiore nel range 45-59 anni, a cui corrisponde un premio medio pari a quasi 421 euro. A sostenere una spesa superiore sono gli uomini, con una media di 425,3 euro, le donne corrispondono circa 411 euro.

Dando un rapido sguardo al meccanismo bonus/malus, ci si accorge che il costo dell’RC Auto aumenta al crescere della classe di merito. Gli automobilisti in prima categoria si fermano a 388,2 euro, quelli che appartengono alla seconda e alla terza classe pagano 479,7 euro. Le polizze dalla quarta alla decima classe prevedono un esborso medio di 538,8 euro, che si spinge a 783,9 euro per i guidatori che occupano una categoria compresa tra l’undicesima e la diciottesima.

Un dato significativo è la crescita del numero di black box (scatola nera) montate sulle vetture. Nel quarto trimestre 2016 hanno riguardato il 19% dei contratti contro il 15,7% dell’anno precedente, con un incremento su base annua pari al 3,3%. La loro diffusione è difforme all’interno del territorio italiano: vengono installate soprattutto nelle regioni meridionali, dove raggiungono punte di oltre il 50%, è minima invece nelle province del Nord-Est, con valori prevalentemente inferiori al 10%.

Per rimanere aggiornati sull’attuale situazione del mercato assicurativo basta consultare l'Osservatorio Assicurazioni di Segugio.it, che riassume tutte le caratteristiche delle polizze RC Auto per singola provincia.

Ipotizzando al 10 aprile di voler stipulare un contratto per una Peugeot 208 BlueHDi 75 Active (acquistata da un 35enne in seconda classe di merito, zero sinistri con colpa negli ultimi 5 anni, percorrenza media di 30.000 chilometri annui), risulta quale miglior prezzo l’offerta di Genertel che propone una copertura per guidatori esperti (con più 25 anni) a 231,98 euro. Qualora al momento del sinistro si trovi alla guida un conducente non autorizzato, Genertel applicherà una franchigia di 350 euro oltre a quella eventualmente prevista. L’assicurazione copre anche i danni a terzi, entro il 3% del massimale, a seguito di incendio o scoppio del veicolo.

A cura di: Paola Campanelli

Come valuti questa notizia?
IVASS, prezzi RC Auto ancora in calo Valutazione: 4,7/5
(basata su 3 voti)

ARTICOLI CORRELATI:

800 999 555 CONSULENZA GRATUITA
Confronta i preventivi
PREVENTIVO AUTO
  /  

Recupera Preventivi

PREVENTIVO MOTO
  /  

Recupera Preventivi

come funziona
Guarda il video e scopri com’è facile risparmiare