Assicurazioni a dieta: cala la raccolta premi

21/09/2016

Inizio d'anno difficile per le compagnie assicurative, che nei primi sei mesi del nuovo anno hanno incassato 41 miliardi in euro in raccolta premi, vale a dire il 3,4% in meno rispetto allo stesso periodo del 2015. Lo rileva l'IVASS, l'organo di vigilanza del settore assicurativo, spiegando che la riduzione della raccolta è principalmente derivata dalla flessione nel settore vita che rappresenta il 78% del totale, a conferma che la crisi sta mettendo in ginocchio le famiglie italiane, obbligandole in un certo senso a concentrare le loro spese solo su quelle necessarie.

Secondo una recente analisi dell'Ufficio Studi Confcommercio, negli ultimi 20 anni i prezzi dei consumi obbligati sono raddoppiati, mangiandosi il 40% dei consumi delle famiglie. Crescono così gli "assolutamente poveri", arrivando nel 2015 a 4,6 milioni (+177% sul 2006). Tornando alle assicurazioni, anche il settore danni ha confermato il trend di progressiva contrazione dal 2011. 

Le imprese nazionali e le rappresentanze in Italia di imprese extra europee hanno raccolto nel primo trimestre del 2016 premi per 38 miliardi di euro, con un decremento del 4,4% rispetto al corrispondente periodo del 2015. Le rappresentanze in Italia di imprese con sede legale in altro Stato europeo hanno realizzato una raccolta di 3 miliardi di euro, con un incremento del 10,8%.

Nel ramo vita gli Sportelli bancari e postali restano il canale principale di distribuzione con il 67% del totale premi mentre si registra una flessione nel canale dei Promotori finanziari. Nel ramo danni, invece, si conferma il primato delle Agenzie con mandato, che nei primi tre mesi del 2016 intermediano il 77% del totale danni e l'85% della RC Auto. L'intermediazione tramite Broker e Sportelli bancari o postali guadagna rilevanza ed erode quote alla rete agenziale e alle altre forme di vendita diretta (tra cui telefono e internet).

A frenare gli incassi ha sicuramente contribuito il calo dei prezzi RC Auto, che secondo la Relazione annuale IVASS era stata pari al 6,5% nel 2015. Grazie a questa flessione, il divario dei prezzi delle polizze con gli altri Paesi UE si è ridotto a 150 euro dai 234 euro del 2011.

Anche se i prezzi delle polizze si sono ridotti, vale sempre la pena scegliere la società assicurativa giusta per risparmiare qualcosa. Oggi è semplice, bastano pochi click su Segugio.it e il gioco è fatto: in soli 3 minuti si possono avere i preventivi più convenienti sul mercato in base al profilo e alla storia assicurativa del contraente. Su Segugio.it trovi l'assicurazione auto più vantaggiosa e risparmi sulla tua polizza fino a 500 euro!

Abbiamo effettuato una simulazione il 15 settembre scorso per un cliente tipo – quarantenne milanese in terza classe di merito che vuole assicurare una Fiat 500L 1.4 CV Lounge, percorrenza di 20 mila chilometri annui, veicolo acquistato nuovo nel 2015 – si scopre che il preventivo migliore è quello di ConTe.it, che propone un prezzo annuo di 458,82 euro per la sola responsabilità civile. 

A seguire troviamo Genialloyd con una tariffa di 469 euro, ma con una formula di guida esperta. 

A cura di: Cristina Fortarezzo

Parole chiave: assicurazioni, ivass, premi, contratti, rca
Come valuti questa notizia?
Assicurazioni a dieta: cala la raccolta premi Valutazione: 4,5/5
(basata su 2 voti)

ARTICOLI CORRELATI:

800 999 555 CONSULENZA GRATUITA
Confronta i preventivi
PREVENTIVO AUTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO MOTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO AUTOCARRO

Recupera Preventivi

come funziona
Guarda il video e scopri com’è facile risparmiare