Sicurezza stradale, Codacons verso Pokemon Go

04/08/2016

Avevamo già parlato qualche mese fa di come la distrazione al volante possa aumentare il rischio di incidenti; oggi torniamo su questo argomento perché il digitale invade la vita reale dei cittadini e anche un semplice gioco per smartphone può diventare un pericolo per l’incolumità degli utenti della strada.

Parliamo di Pokemon Go, il celebre game a caccia di pupazzetti che sembra aver catturato l’attenzione di milioni di persone. L’allarme è scattato negli ultimi giorni quando si sono registrati i primi incidenti che hanno coinvolto alcuni assidui fan del giochino. L’ultimo sinistro si è verificato nella città di Napoli, dove una ragazza è stata investita da un’auto: il conducente ha spiegato di essere stato distratto dal suo smartphone, in quanto la App del gioco segnalava nei paraggi un Pokemon.

Pokemon Go utilizza la fotocamera del cellulare per inseguire i personaggi da acciuffare e allenarli ai combattimenti, proprio come nel videogame originario nato negli anni novanta. Per catturarli, i giocatori devono girovagare per la città in cerca di prede, inquadrando la strada tramite la fotocamera: una fonte di distrazione non solo per gli automobilisti, ma anche per pedoni, ciclisti e centauri.

Le ripetute infrazioni rilevate dalle Forze dell’Ordine hanno scatenato la protesta del Codacons che chiede alla Procura di Roma di aprire un’indagine per attentato alla sicurezza stradale.

"Giochi di questo tipo”, spiega Carlo Rienzi, presidente del Codacons, “rappresentano un pericolo concreto perché vengono utilizzati in qualsiasi momento della giornata e distolgono i giocatori dalla dovuta attenzione verso la strada e l'ambiente circostante. Pensiamo a chi usa l'App alla guida di una automobile, ma anche a pedoni e ciclisti a caccia di Pokemon che rischiano di essere investiti perché intenti ad osservare lo schermo del cellulare e non il marciapiede, le strisce pedonali e la strada dove camminano".

La stessa Associazione chiede al Ministero dei Trasporti di adottare misure per garantire la sicurezza come ad esempio inibire il funzionamento di Pokémon GO sia alla guida che agli altri occupanti del veicolo durante la marcia. Il Codacons sarebbe d’accordo anche per una decisione più drastica, quale quella di vietare la diffusione del gioco a livello nazionale.

Alla protesta si è unita anche l'ASAPS, che propone quale misura restrittiva per i guidatori il sequestro del cellulare per non meno di un mese.

La mania per Pokemon Go non ha coinvolto solo i cittadini ma anche alcune realtà aziendali, che stanno approfittando dell'occasione per ottenere vantaggi commerciali. Si tratta dei concessionari della casa automobilistica Mercedes che tramite dei moduli esca nelle vicinanze dei PokéStop richiamano gli appassionati del gioco nei loro saloni di esposizione. I moduli invitano i giocatori a visitare lo showroom o a prendere parte a un evento organizzato dalla stessa concessionaria.

Infine c’è chi ha deciso di sfruttare la situazione per avere un altro tipo di ritorno economico. È ciò che sta accadendo negli Stati Uniti, dove alcuni privati hanno deciso di mettersi a disposizione dei giocatori di Pokemon offrendo passaggi in auto. L’attività – non ufficiale – prevede l’accompagnamento in cambio di un compenso di circa 30 dollari, poco più di 27 euro, includendo nel servizio anche snack e bibite.

A cura di: Paola Campanelli

Come valuti questa notizia?
Sicurezza stradale, Codacons verso Pokemon Go Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)

ARTICOLI CORRELATI:

800 999 555 CONSULENZA GRATUITA
Confronta i preventivi
PREVENTIVO AUTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO MOTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO AUTOCARRO

Recupera Preventivi

come funziona
Guarda il video e scopri com’è facile risparmiare