AIA, un taglio alle truffe RC Auto

27/06/2016

Qualche giorno fa abbiamo scritto di come bisogna comportarsi in caso di furto di auto e successivo ritrovamento, oggi continuiamo sulla stessa scia, questa volta però dal punto di vista delle assicurazioni: la guerra alle frodi dell’RC Auto, infatti, è ufficialmente iniziata. Lo scorso 10 giugno è entrato in funzione l’Archivio Integrato Antifrode (AIA), uno strumento gestito dall’IVASS per contrastare le truffe e i sinistri gonfiati.

Il sistema è collegato a un database dei sinistri che raccoglie le informazioni relative agli incidenti dei veicoli a motore immatricolati in Italia, insieme alle generalità dei testimoni e dei danneggiati. Nel momento in cui l’impresa assicurativa alimenta il database, verrà fornito in automatico dall’Istituto di Vigilanza un punteggio che permetterà di stabilire quanto il sinistro è a rischio.

Le compagnie riceveranno anche uno score sulla qualità delle informazioni inserite, con il management delle stesse assicurazioni che sarà aggiornato periodicamente su questa attività. In questo modo si tende a scongiurare il rischio che le società siano poco attive contro gli incidenti sospetti.

“Ci aspettiamo un effetto pratico di riduzione dei costi per le compagnie”, commenta il presidente dell’IVASS Salvatore Rossi, “e quindi dei premi pagati dagli assicurati. Si stima che già oggi l’attività antifrode delle compagnie, imposta di recente dalla legge e vigilata dall’IVASS, per quanto limitata a causa della mancanza di adeguati strumenti conoscitivi, abbia consentito una riduzione dei costi dei risarcimenti pari all’1,5% dei premi. Disporre dell’AIA è come passare da arco e frecce a un cannone a lunga gittata: il risparmio sui costi e sui premi che ci attendiamo dovrebbe essere ben maggiore”.

Nella prima fase l’AIA sarà connesso anche con il registro dei periti (Consap), della Motorizzazione Civile e gli archivi che contengono la lista delle automobili dotate di black box. Entro la fine dell’anno si aggiungeranno ulteriori informazioni con l’aggregazione di altri database, quelli relativi ai veicoli rubati, agli attestati di rischio e al fondo di garanzia vittime della strada.

Nonostante il problema delle frodi, i prezzi delle polizze auto nel 2015 sono diminuiti del 7,5%. Tuttavia il divario delle tariffe italiane con quelle di Germania, Spagna e Francia è ancora alto, attestandosi intorno ai 150 euro.

A proposito di RC Auto è bene ricordare che per risparmiare basta effettuare un preventivo su Segugio.it, il portale che permette di conoscere i prodotti più convenienti delle varie assicurazioni.

Effettuando al 27 giugno la simulazione di un cliente tipo – trentacinquenne di Napoli in prima classe di merito che vuole assicurare una Lancia Ypsilon 1.3 Multijet, percorrenza di 20 mila chilometri annui, veicolo acquistato usato nel 2015 – si scopre che il preventivo migliore è di ConTe.it+Sat con un prezzo annuo di 587,19 euro. La polizza presenta una formula di guida esclusiva: comprende inoltre la garanzia accessoria dell’assistenza stradale e prevede l’installazione gratuita del dispositivo satellitare che registra la posizione del veicolo e consente di ricostruire correttamente la dinamica in caso di sinistro.

A seguire troviamo Genertel Quality Driver con una spesa annua di 652,06 euro che applica al contratto una formula di guida esperta. Nell’importo è compresa la tutela legale per un massimo di 10 mila euro, l’assistenza stradale e Quality Driver, una protezione a seguito di sinistro o furto tramite l’installazione della black box.

A cura di: Paola Campanelli

Come valuti questa notizia?
AIA, un taglio alle truffe RC Auto Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)

ARTICOLI CORRELATI:

800 999 555 CONSULENZA GRATUITA
Confronta i preventivi
PREVENTIVO AUTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO MOTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO AUTOCARRO

Recupera Preventivi

come funziona
Guarda il video e scopri com’è facile risparmiare