Incidenti stradali, in calo nel 2015

22/02/2016

incidenti stradali

Gli ultimi dati diffusi dalla Polizia Stradale sono rassicuranti: nel 2015 è sceso il numero di incidenti, 447 in meno rispetto all’anno precedente.

Dal primo gennaio al 20 dicembre i sinistri accertati da Polstrada e Carabinieri sono calati dello 0,4%, attestandosi a 73.261. Tuttavia, è aumentato il numero di vittime, 13 in più rispetto al 2014.

L’inversione di tendenza è da attribuirsi all’aumento di decessi all’interno dei centri urbani a causa della crescita del numero di auto e mezzi pesanti per le strade. Tra le cause principali di incidenti si conferma l’utilizzo alla guida dello smartphone, soprattutto per mandare messaggi o collegarsi a internet.

Qualche numero sui dati registrati aiuta a capire meglio l’impegno delle Forze dell’Ordine: con 4.165.490 pattuglie di vigilanza, la Polizia Stradale e i Carabinieri hanno accertato 2.387.619 infrazioni, ritirando 61.366 patenti (e decurtando complessivamente ai conducenti 3.139.766 punti sulla licenza di guida) e 60.216 carte di circolazione.

L'utilizzo dei tutor ha consentito di accertare fino al 30 novembre 415.292 violazioni dei limiti di velocità, il 3% in meno rispetto allo stesso periodo del 2014. Da aprile dello scorso anno il sistema è attivo anche su un tratto di circa 50 km dell’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, registrando fino a novembre 123.147 violazioni.

I conducenti controllati con etilometri e alcool test sono stati quasi 1,5 milioni, di cui 25.832 sanzionati per guida in stato di ebbrezza e 1.963 denunciati per guida sotto l'effetto di sostanze stupefacenti. A seguito dell'introduzione della legge 120 del 2010 – relativa al divieto di bere qualsiasi alcolico per minori di 21 anni, neopatentati e trasportatori professionali di persone e cose – la Polizia Stradale ha rilevato poco più di 850 infrazioni.

L’aumento dei decessi è confermato anche da una ricerca del Corriere della Sera basata su dati Istat, secondo cui nella prima parte del 2015 si è rilevato un incremento del 7,4%. L’indagine ha stabilito che le vittime di incidenti stradali in Italia nel periodo 2004-2014 sono state in media 4.400 l’anno: nel 2014 se ne sono registrate 3.381, circa lo 0,6% in meno rispetto al 2013.

L’indagine classifica anche le province a più alto rischio, incrociando il numero di vittime con quello dei veicoli immatricolati.

Nel 2014 la maglia nera va alla provincia di Foggia con 13,2 vittime ogni 100 mila veicoli, contro una media nazionale di 7. “È un dato significativo”, commenta Pasquale Russo, consigliere provinciale con delega ai lavori pubblici, “che però non tiene conto dell’ampia rete stradale della provincia di Foggia che raggiunge i tremila chilometri. Le risorse a disposizione sono sempre meno, gli stanziamenti dello Stato ben inferiori alle reali necessità, di questo passo ci troveremo costretti a chiudere le strade provinciali meno sicure”.

Nella classifica delle città più pericolose seguono Carbonia-Iglesias (12,9 decessi) e Belluno (12,4). Tra le sei province in cui sono più diffusi i veicoli a motore – oltre un milione di mezzi – risulta un dato inaspettato: il primato di centro meno critico viene attribuito a Napoli con 4,1 vittime ogni centomila veicoli, seguita da Milano (4,4), Catania (5,6), Torino (5,8), Roma (7) e Brescia (9,1).

Al contrario, le aree più sicure nel 2014 sono state il territorio di Monza-Brianza (3,1) e La Spezia (2,2). Per quest’ultima, la Questura fa sapere che il dato è la conseguenza di una maggiore attività di controllo sulle strade grazie anche alla partecipazione del reparto prevenzione crimini di Genova.

A livello regionale il primato di vittime spetta alla Lombardia (447 vittime), di cui il 10% nel solo comune di Milano, seguita da Lazio (371), Emilia Romagna (327) e Veneto (325).

A cura di: Paola Campanelli

Come valuti questa notizia?
Incidenti stradali, in calo nel 2015 Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)

ARTICOLI CORRELATI:

800 999 555 CONSULENZA GRATUITA
Confronta i preventivi
PREVENTIVO AUTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO MOTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO AUTOCARRO

Recupera Preventivi

come funziona
Guarda il video e scopri com’è facile risparmiare