Riforma assicurativa: le critiche dell’ANIA, punto per punto

04/02/2016

riforma assicurativa

L’ANIA, Associazione Nazionale delle Imprese Assicuratrici, si pronuncia sugli ultimi emendamenti contenuti nel DDL Concorrenza sulla riforma assicurativa, temendo un aumento dei premi dell’RC Auto.

L’allarme delle compagnie riguarda in particolare le modifiche presentate da alcuni parlamentari (M5S, FI e Sel) che aboliscono l'obbligo dell’accertamento strumentale per i colpi di frusta. “La norma del 2012 che ha introdotto quel tipo di accertamento - spiega il direttore generale di ANIA Dario Focarelli - ha permesso una diminuzione dei danni fisici lievi da 580.000 del 2011 a 370.000 nel 2014, 210.000 feriti in meno, con risparmi per 1 miliardo l'anno”. Secondo la stessa Associazione, questo calo è la dimostrazione che in moltissimi casi i danni denunciati alle imprese assicurative erano inesistenti o si trattava di frodi.

Oltre alla questione sul colpo di frusta, l’ANIA si scaglia contro gli sconti obbligatori per gli automobilisti che decideranno di montare sulla propria vettura la scatola nera. Il dispositivo registra i comportamenti di guida e sarà un riferimento in caso di sinistro, inoltre avrà valore probatorio in caso di giudizio. Nell’ipotesi di variazione peggiorativa della classe di merito, l’assicurato che ha a bordo una black box subirà degli incrementi del premio inferiori a quelli altrimenti applicabili.

Discorso simile anche per la cosiddetta Tariffa Italia che eliminerebbe le diseguaglianze geografiche applicando sconti sull’RC agli assicurati virtuosi residenti nelle aree dove le tariffe sono più alte, a patto che alla stipula si accettino determinate condizioni. Anche in questo caso le compagnie sono contrarie, sostenendo che i prezzi non si possono imporre: i ribassi, che interessano soprattutto le regioni del Sud, si tradurrebbero in rincari per chi paga meno, ovvero per gli automobilisti situati nelle aree del nord Italia. Attualmente il DDL prevede che la misura della percentuale di sconto sia decisa dall’IVASS (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni) ma una proposta di cambiamento, fortemente voluta dall'ANIA, potrebbe lasciare la scelta alle stesse assicurazioni.

L'Associazione delle imprese è in allarme anche per le nuove tabelle sul danno biologico. Alla Camera sono state assunte come punto di riferimento per tutta Italia quelle applicate nel Comune di Milano, una scelta che non dispiace alle compagnie. Tuttavia, gli emendamenti presentati aumentano i valori del danno rispetto alle tabelle milanesi, provocando secondo ANIA un rialzo delle tariffe.

Infine la questione sul risarcimento in forma specifica. L’ANIA considera inaccettabili gli emendamenti inseriti nel DDL che vietano alle compagnie di offrire il servizio delle carrozzerie convenzionate, una modifica da cui deriverebbe solo un danno per gli assicurati.

Di parere opposto la Federcarrozzieri che già lo scorso anno si era espressa negativamente sulla previsione di agevolare questa tipologia di risarcimento: il parere della federazione è che le conseguenze potrebbero essere gravi sia per il consumatore che per gli stessi carrozzieri. I professionisti convenzionati sarebbero costretti a rispettare le condizioni imposte dalle assicurazioni e a dover attenersi ai tempi stabiliti dalle compagnie per riparare l’auto, ciò che potrebbe portare a una sistemazione approssimativa del veicolo, con conseguenze che si ripercuoterebbero anche sulla sicurezza stradale. Inoltre, verrebbero penalizzati i carrozzieri indipendenti che per essere più competitivi sarebbero costretti a tagliare i costi, violando le norme in materia di qualità, ambiente e sicurezza.

In tema di assicurazioni auto è bene ricordare che si può risparmiare sulle tariffe effettuando delle comparazioni tramite Segugio.it, il portale che permette di usufruire dei premi più convenienti sul mercato.

A cura di: Paola Campanelli

Come valuti questa notizia?
Riforma assicurativa: le critiche dell’ANIA, punto per punto Valutazione: 5/5
(basata su 2 voti)

ARTICOLI CORRELATI:

800 999 555 CONSULENZA GRATUITA
Confronta i preventivi
PREVENTIVO AUTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO MOTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO AUTOCARRO

Recupera Preventivi

come funziona
Guarda il video e scopri com’è facile risparmiare