Volkswagen, presentate le modifiche per le emissioni alterate

10/12/2015

dieselgate volkswagen

Buone notizie per i proprietari di auto del Gruppo Volkswagen coinvolte nello scandalo dieselgate. La Casa di Wolfsburg ha approvato le prime modifiche da apportare sui motori a gasolio EA 189 non in regola con le emissioni.

Per il TDI da 1.600 cc di cilindrata l’intervento consiste nell'installazione di un trasformatore di flusso davanti al misuratore della massa d’aria, insieme a un nuovo software che farà rientrare nei limiti legali le emissioni di ossido di azoto (NOx). Il tutto dovrebbe richiedere un fermo in officina della vettura di circa un’ora. “Si tratta di una griglia che riduce la formazione di vortici d'aria”, spiega una nota ufficiale di Volkswagen, “e di conseguenza aumenta in modo significativo la precisione nella misurazione del flusso. Il misuratore della massa d'aria determina quindi in modo più preciso la quantità di aria aspirata, che rappresenta un parametro molto importante per la gestione del motore nell'ottica di un processo di combustione ottimale.”

I propulsori TDI con cilindrata da 2.000 cc saranno invece interessati dal solo intervento sul software della centralina, che richiederà un fermo della vettura di mezz’ora. Nessuna informazione è trapelata sui motori diesel più piccoli da 1.2 litri, anche se l’ipotesi più probabile è quella del solo aggiornamento elettronico.

Nonostante la Casa tedesca abbia rassicurato che l’intervento in officina non inciderà in termini di minori prestazioni del motore, molti clienti stanno pensando di non effettuare alcuna modifica o di eseguirla solo nel caso in cui fossero costretti da eventuali problemi derivanti dalla revisione quadriennale o biennale del mezzo. Su forum e social network dilaga lo scetticismo degli automobilisti, convinti che il taglio dell’inquinante possa coincidere con una minor potenza erogata dal motore: dunque, caratteristiche del propulsore non in linea con i dati dichiarati dalla Casa al momento della vendita.

Per quanto riguarda le vendite c’è da segnalare il crollo a novembre del produttore tedesco negli USA, il mercato da cui è partito lo scandalo sulla manomissione delle emissioni, con un calo del 24,7% rispetto allo stesso periodo del 2014. La repentina discesa ha portato i vertici di Volkswagen a decidere per un indennizzo dei clienti americani e canadesi le cui automobili sono state coinvolte nel dieselgate. Il bonus riguarda la stipula della Goodwill Package, vale a dire due carte di credito prepagate e caricate con 500 dollari: una di queste card è spendibile nella rete di assistenza del Gruppo. Gli automobilisti americani che hanno aderito all’iniziativa sarebbero circa 120 mila e nessuno di loro ha dovuto sottoscrivere una rinuncia alle azioni legali. Al momento il colosso tedesco non intende estendere questo bonus agli automobilisti europei.

Dal punto di vista finanziario, le ultime notizie divulgate da Reuters – l’agenzia di stampa britannica – parlano un prestito ponte da 20 miliardi di euro concordato con 13 banche, al fine di sostenere gli investimenti di cui necessita il Gruppo ed evitare di far pesare sui dipendenti gli attuali problemi. Gli istituti finanziari si sarebbero impegnati a finanziare una cifra fra gli 1,5 e i 2,5 miliardi di euro, ciascuno da elargire nell’arco di 12 mesi.

Intanto in Italia continuano le indagini per accertare eventuali responsabilità della dirigenza del colosso tedesco. Il problema delle emissioni ha portato la Procura di Padova ad aprire un’inchiesta su Porsche Italia a seguito di un esposto di un’Associazione dei Consumatori. I documenti acquisiti dalla Guardia di Finanza nella sede legale del brand serviranno ad accertare l’eventuale distribuzione sul territorio nazionale di veicoli che presentano il software incriminato.

A cura di: Paola Campanelli

Come valuti questa notizia?
Volkswagen, presentate le modifiche per le emissioni alterate Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)

ARTICOLI CORRELATI:

800 999 555 CONSULENZA GRATUITA
Confronta i preventivi
PREVENTIVO AUTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO MOTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO AUTOCARRO

Recupera Preventivi

come funziona
Guarda il video e scopri com’è facile risparmiare