Assicurazioni, l’impatto dell'innovazione sulle compagnie

07/07/2015

digitalizzazione assicurazioni

Innovazione e tecnologia stanno cambiando il mondo delle auto. In un futuro non troppo lontano i veicoli saranno sicuramente connessi, con le compagnie che potranno monitorare tutti i dati relativi al comportamento del guidatore quali la velocità media, lo stile di guida, eventuali danni in caso di sinistri che verranno trasmessi automaticamente ad archivi centralizzati.

Attualmente il prezzo della polizza viene calcolato incrociando i dati del guidatore con quelli della vettura ma nei prossimi anni, grazie alla connettività, le compagnie assicurative avranno a disposizione un numero maggiore di informazioni che permetteranno la creazione di polizze sempre più personalizzate. L’obiettivo è quello di distinguere gli automobilisti virtuosi da quelli poco disciplinati e di isolare eventuali truffe che si ripercuotono su tutti gli assicurati.

Le prime soluzioni per ridurre le frodi sono già una realtà e dal 18 ottobre 2015 sparirà anche il contrassegno, il tagliando assicurativo da esporre sul parabrezza per attestare il regolare pagamento della polizza. Gli automobilisti potranno adesso controllare in tempo reale lo stato di attivazione della propria assicurazione auto, andando sul portale dell’automobilista del Ministero dei Trasporti e inserendo la targa della propria autovettura.

Gran parte delle innovazioni sono legate alla digitalizzazione del mercato assicurativo: oltre al tagliando cartaceo, dal 1 luglio è entrato in vigore il passaggio online dell’attestato di rischio. A breve un’ulteriore novità potrebbe riguardare la possibilità in caso di incidente di effettuare la constatazione amichevole con lo smartphone: un’applicazione permetterà agli automobilisti di inserire tutti i dati della compilazione, come il numero della patente, la dinamica e le foto scattate dell’incidente. Basterà quindi premere Invia per “spedire” il modulo digitale alla compagnia assicurativa.

Anche il mondo automobilistico si muove a grandi passi verso nuove innovazioni. La sperimentazione dell’auto a guida autonoma prosegue a ritmi molto veloci. Tuttavia in questo caso i gruppi assicurativi non sono preparati ad affrontare un simile cambiamento della mobilità e nessuno ancora ha iniziato ad adeguare il proprio modello di business ai nuovi veicoli, poiché convinto che la guida autonoma non avrà alcun impatto sul settore auto nel breve-medio periodo.

A svelarlo è il report Era of Autonomous Vehicles della società di consulenza KPMG, che rileva come molti manager siano convinti che saranno gli stessi governi a rallentare l’introduzione dei veicoli intelligenti. Lo studio, realizzato su un campione di dirigenti senior dell’industria assicurativa statunitense, evidenzia che l’84% dei manager non si aspetta alcun influenza di questa  tecnologia prima del 2025, mentre il 42% ritiene che i primi cambiamenti si avvertiranno entro i prossimi 10 anni. Il 74% degli assicuratori intervistati dichiara di essere completamente impreparato nel caso in cui le nuove auto iniziassero a circolare entro la fine dell’anno.

Secondo KPMG il cambiamento sarà più repentino di quanto le compagnie possano pensare: la guida autonoma renderà le auto molto più sicure, andando a influenzare la frequenza dei sinistri e conseguentemente la sottoscrizione delle polizze.

A cura di: Paola Campanelli

Come valuti questa notizia?
Assicurazioni, l’impatto dell'innovazione sulle compagnie Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)

ARTICOLI CORRELATI:

800 999 555 CONSULENZA GRATUITA
Confronta i preventivi
PREVENTIVO AUTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO MOTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO AUTOCARRO

Recupera Preventivi

come funziona
Guarda il video e scopri com’è facile risparmiare