Assicurazioni: calano i sinistri ma non il costo dei premi

04/08/2014

frodi_assicurazione

I dati raccolti dall'Associazione Nazionale Imprese Assicuratrici parlano chiaro: i sinistri in Italia sono in costante calo, ma le compagnie assicurative non si stanno adeguando ai nuovi numeri. Ovvero: le tariffe assicurative restano troppo alte, e non ci sono dunque i cali dei premi che dovrebbero conseguire dalla diminuzione degli incidenti.

Un calo dei sinistri che viene certificato dai numeri: la zona più a rischio resta quella del Sud Italia, ed in particolare la provincia di Napoli, che paradossalmente è anche quella che ha fatto registrare il calo maggiore degli incidenti. Nell'ultimo anno, meno 33%, ma la media di sinistri automobilistici nel capoluogo campano si assesta al 10%, la più alta d'Italia e ben superiore a quella nazionale, come detto in sostanziale calo ed intorno al 6%.

I fattori che hanno portato ad un calo generalizzato degli incidenti sono molti, e sono sempre collegabili alla crisi economica. Meno automobili immatricolate e carburanti sempre più costosi, si riflettono in un calo delle vetture che circolano per le strade. Meno traffico, significa automaticamente meno incidenti. L'equazione dovrebbe proseguire con un altrettanto logico 'premi assicurativi meno cari', ed invece, come registrato dall'Associazione degli Assicuratori, non è affatto così.

La diffidenza delle Imprese Assicuratrici è di contro facilmente spiegabile con un altro dato: a fronte di una diminuzione degli incidenti, le frodi assicurative sono invece in aumento: il 15% delle pratiche aperte nascondono irregolarità o vere e proprie truffe, che comportano dunque una difficoltà per le assicurazioni, sempre chiamate a ripianare le perdite, nell'allentare la morsa del caro-premi sulla propria clientela. Una frode assicurativa finisce così con l'arrecare un danno non solo alla singola compagnia assicurativa, ma all'intera collettività, visto che i costi delle irregolarità vengono di fatto scaricati sulle spalle della clientela. Anche le frodi sarebbero frutto più o meno diretto della crisi, tanto che in tutti i paesi dell'Unione Europea, compresi quelli considerati solitamente 'virtuosi' in questo ambito - come la Finlandia o la Gran Bretagna - le controversie in merito assicurativo sarebbero in costante aumento.

Dall'Associazione Nazionale Imprese Assicuratrici è arrivata però anche una lettura abbastanza autocritica dei dati, facendo presente che a fronte di un calo così sensibile dei sinistri, anche in zone storicamente molto sensibili a questa problematica, deve arrivare un segnale chiaro. ossia un calo dei premi assicurativi, per permettere al mercato di essere coerente con quella che è la realtà delle cose. Il circolo vizioso nel quale ci si ritrova impantanati (premi troppo cari a causa delle frodi, frodi in aumento a causa dei premi troppo cari) finisce infatti per rappresentare un handicap che rischia di costare caro allo sviluppo del settore assicurativo.

A cura di: Redazione

Come valuti questa notizia?
Assicurazioni: calano i sinistri ma non il costo dei premi Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)

ARTICOLI CORRELATI:

800 999 555 CONSULENZA GRATUITA
Confronta i preventivi
PREVENTIVO AUTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO MOTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO AUTOCARRO

Recupera Preventivi

come funziona
Guarda il video e scopri com’è facile risparmiare